Connect with us

ilFaro News

Notizie

Da 50 a 200 euro a prestazione: ennesima ‘casa del piacere’ scoperta e chiusa a Ragusa (FOTO E VIDEO)

Quarta ‘casa del  piacere’ chiusa a Ragusa solo nel 2017: in questo caso la ‘titolare’ era una cittadina rumena

L’articolo Da 50 a 200 euro a prestazione: ennesima ‘casa del piacere’ scoperta e chiusa a Ragusa (FOTO E VIDEO) sembra essere il primo su BlogSicilia – Quotidiano di cronaca, politica e costume.

L'ARTICOLO ORIGINALE PROVIENE DA QUESTO INDIRIZZO

La Polizia di Stato – Squadra Mobile – ha chiuso la quarta “casa a luci rosse” nel 2017 a Ragusa in Via Fratello Belleo, in pieno centro storico, anche questa volta su richiesta degli abitanti della zona interessata.

Il campanello d’allarme è sempre lo stesso, uno strano via vai dalle abitazioni del centro storico e così, i residenti hanno   subito informato la Squadra Mobile prontamente intervenuta per appurare e procedere.

Gli uomini della Squadra Mobile, dopo qualche giorno di osservazione dell’immobile, hanno verificato la notizia fornita dai cittadini. Giovani e meno giovani si recavano nell’abitazione per ottenere prestazioni sessuali, il tutto dopo aver preso contatti, con l’interessata, tramite siti internet specializzati.

All’interno degli annunci, non di rado, non è inserita la via dell’abitazione. Informazione che viene fornita ai clinti via telefono: numerosi gli errori e le ‘citofonate’ a casa di persone che nulla avevano a che vedere con il commercio più antico del mondo.Giro d’affari rilevante entità: tutto dipende dalle richieste dei clienti, i prezzi oscillano da 50 a 200 euro, dipende dai “gusti” e dalle richieste sessuali.

Al momento del controllo della Squadra Mobile e della Squadra Volanti in ausilio, vi era un cittadino italiano che aveva appena consumato una prestazione sessuale, peraltro con vari precedenti anche per sfruttamento della prostituzione.

La proprietaria dell’immobile, una signora ragusana, aveva stipulato un contratto regolare con la cittadina rumena che li esercitava la prostituzione e sono in corso accertamenti fiscali per appurare la regolarità dei documenti esibiti ed il pagamento delle imposte di registro.

La Squadra Mobile, secondo le direttive del Questore di Ragusa Salvatore La Rosa, continuerà a monitorare gli immobili segnalati dai cittadini, al fine di garantire a tutti gli abitanti delle zone interessate, anche in provincia, il quieto vivere quotidiano.

Commenti

Continue Reading

More in Notizie

To Top